La Foresta Tropicale (o Foresta Equatoriale)

Le foreste pluviali tropicali, o foreste equatoriali, si trovano in zone di clima tropicale in cui non c'è stagione secca - tutti i mesi hanno una precipitazione media di almeno 60 mm. Raramente si estendono più di 10 gradi a nord o a sud dell'equatore. All'interno della classificazione del World Wildlife Fund, le foreste pluviali tropicali sono un tipo di foresta tropicale umida a latifoglie (o foresta umida tropicale) che comprende anche le foreste tropicali stagionali.



La foresta tropicale può essere descritta in due parole: caldo e umido. Le temperature medie mensili sono superiori a 18° C durante tutti i mesi dell'anno. Le precipitazioni medie annue non sono inferiori ai 168 cm e possono superare i 1.000 cm, anche se sono in genere tra 175 e 200 cm. Questo elevato livello di precipitazioni si traduce spesso in terreni poveri a causa della lisciviazione dei nutrienti solubili nel terreno.

La foresta equatoriale presenta elevati livelli di biodiversità. Dal 40% al 75% di tutte le specie biotiche sono native delle foreste pluviali. Le foreste pluviali sono l'habitat della metà di tutte specie animali e vegetali viventi nel pianeta. Due terzi di tutte le piante da fiore possono essere trovati nelle foreste pluviali. 



Leggi anche: La foresta pluviale

Veduta della Foresta Amazzonica in Brasile.

Un solo ettaro di foresta tropicale può contenere 42.000 specie diverse di insetti, fino a 807 alberi di 313 specie e 1.500 specie di piante superiori. Le foreste pluviali tropicali sono chiamate ​"la più grande farmacia del mondo", perché più di un quarto delle medicine naturali sono state scoperte all'interno di esse. E' probabile che ci possano essere molti milioni di specie di piante, insetti e microrganismi ancora da scoprire nelle foreste pluviali tropicali.


Le foreste equatoriali sono tra gli ecosistemi globalmente più minacciati a causa della frammentazione su larga scala dovuta alle attività umane. La frammentazione degli habitat, causata da processi geologici come il vulcanismo e il cambiamento climatico, è stata identificata come importante fattore di speciazione. Tuttavia, la veloce distruzione degli habitat per mano dell'uomo è sospettata essere una delle principali cause di estinzione delle specie. Le foreste pluviali tropicali sono state sottoposte a permessi agricoli per tutto il 20 secolo, e l'area coperta dalle foreste pluviali di tutto il mondo si sta rapidamente riducendo. 


Storia

Le foreste pluviali tropicali sono esistite sulla terra per centinaia di milioni di anni. La maggior parte delle foreste pluviali tropicali di oggi sono frammenti dell'era mesozoica del supercontinente Gondwana. La separazione della massa ha provocato una grande perdita di diversità di anfibi mentre allo stesso tempo il clima più secco ha stimolato la diversificazione dei rettili. Le foreste equatoriali sono situate in cinque grandi regioni del mondo. America Tropicale, Africa, Sud-Est asiatico, Madagascar e Nuova Guinea, con valori più piccoli in Australia. Tuttavia, le origini delle foreste pluviali rimangono incerte a causa di una documentazione fossile incompleta. 


Tipi di foresta tropicale


Diversi biomi comprendono il termine generale "foresta tropicale":


Foreste sempreverdi equatoriali di pianura


Le foreste pluviali sempreverdi di pianura sono foreste che ricevono elevata piovosità (più di 2000 mm ogni anno) durante tutto l'anno. Queste foreste si trovano intorno all'equatore, con le più grandi aree nel bacino amazzonico del Sud America, del bacino del Congo dell'Africa Centrale, Filippine, Indonesia e Nuova Guinea.


Foreste umide tropicali stagionali


Le foreste umide tropicali stagionali ricevono un'elevata piovosità complessiva con una calda stagione umida estiva e una stagione secca invernale più fresca. Alcuni alberi in queste foreste perdono alcune o tutte le foglie durante la stagione secca invernale, quindi sono a volte chiamate "foresta tropicale mista". Si trovano in alcune parti del Sud America, in America centrale e intorno ai Caraibi, sulla costa dell'Africa occidentale, in parti del subcontinente indiano, e in gran parte dell'Indocina.


Foreste pluviali montane


Le foreste pluviali montane, alcune delle quali sono conosciute come foreste nebbiose, si trovano in zone di montagna con un clima più freddo. A seconda della latitudine, il limite inferiore di foreste montane sulle grandi montagne è generalmente compreso tra 1,500 e 2,500 m, mentre il limite superiore è di solito da 2.400 a circa 3.300 m.


Foreste alluvionali


Le foreste alluvionali, o foreste inondate, si trovano in Amazzonia


Struttura della foresta tropicale


Le foreste pluviali sono divise in diversi strati, con vegetazione organizzata in un modello verticale che inizia dal terreno alla canopia. Ogni strato è una comunità biotica unica contenente piante e animali diversi adattati per la vita in quel particolare strato. Solo lo strato emergente è unico per le foreste pluviali tropicali, mentre gli altri si trovano anche nelle foreste pluviali temperate.


Suolo


Il suolo della foresta, il livello più in basso, riceve solo il 2% della luce solare. Solo piante adattate a condizioni di scarsa illuminazione possono crescere in questa regione. Lontano da argini, paludi e radure, dove si trova il fitto sottobosco, il suolo della foresta è relativamente povero di vegetazione a causa della scarsa penetrazione luce del sole. Questo spazio più aperto consente il facile spostamento di animali più grandi, così come molte specie di rettili, anfibi e insetti. Il suolo della foresta contiene anche materia animale e vegetale in decomposizione, che scompare rapidamente, perché il caldo e le condizioni di umidità favoriscono una rapida decomposizione. Molte forme di funghi che crescono qui favoriscono la decomposizione dei rifiuti di origine animale e vegetale.


Sottobosco


Lo strato del sottobosco si trova tra la canopia e il suolo della foresta. Il sottobosco è la patria di un certo numero di uccelli, piccoli mammiferi, insetti, rettili, e predatori. Gli esempi includono il leopardo (Panthera pardus), la rana freccia (Phyllobates terribilis), il coati rosso (Nasua nasua), il boa costrittore (Boa constrictor), e molte specie di coleotteri. La vegetazione in questo livello è generalmente costituita da arbusti che tollerano l'ombra, erba, piccoli alberi, e grandi viti legnose che si arrampicano sugli alberi per catturare la luce del sole. Solo circa il 5% della luce solare supera la volta per arrivare al sottobosco provocando la crescita di piante nel sottobosco che superano raramente i 3 metri di altezza. Come per adattarsi a questi bassi livelli di luce, le piante del sottobosco si sono spesso evolute con foglie molto più grandi. Molte piante che crescono al livello della canopia sono nel sottobosco.


Canopia


La canopia, o volta, o strato superiore, è lo strato primario della foresta che forma un tetto sopra i due strati sottostanti. Esso contiene la maggior parte degli alberi più grandi, tipicamente di 30-45 m di altezza. Alberi sempreverdi alti e a foglia larga sono le piante dominanti. Le zone più dense di biodiversità si trovano nella volta della foresta, in quanto supporta spesso una ricca flora di epifite, tra cui orchidee, bromelie, muschi e licheni. Queste piante epifite consentono ai tronchi e ai rami e di ottenere acqua e sali minerali da pioggia e detriti che raccolgono dalle piante di supporto. La fauna è simile a quella trovata nel sottobosco, ma più diversificata. Si stima che la  ricchezza di specie di artropodi della canopia tropicale potrebbe essere di circa 20 milioni. Altre specie che abitano questo strato includono molte specie aviarie, come il tucano solforato (Ramphastos sulfuratus), l'ara scarlatta (Ara macao), la scimmia ragno (Ateles paniscus), il bradipo tridattilo (Bradypus tridactylus), il cercoletto (Potos flavus) e il tamandua tetradattilo (Tamandua tetradactyla).


Strato emergente


Lo strato emergente contiene un piccolo numero di alberi molto grandi, chiamati emergenti, che crescono sopra la chioma generale, raggiungendo altezze di 45-55 m, anche se a volte alcune specie crescono a 70-80 metri. Alcuni esempi di alberi emergenti includono: Balizia elegans, Dipteryx panamensis, Hieronyma alchorneoides, Hymenolobium mesoamericanum, Lecythis Ampla e Terminalia oblonga. Questi alberi devono essere in grado di resistere alle alte temperature e ai forti venti che si verificano in alcune aree. Diverse specie faunistiche uniche abitano questo livello come l'aquila coronata (Stephanoaetus coronatus) e la volpe volante malese (Pteropus Vampyrus).


Tuttavia, la stratificazione non è sempre chiara. Le foreste pluviali sono dinamiche e molti cambiamenti influenzano la struttura del bosco. Le aperture nella volta della foresta sono ampiamente riconosciute come importanti per la creazione e la crescita di alberi della foresta pluviale. Si stima che il 75% delle specie arboree a La Selva Biological Station, in Costa Rica, dipendono dalle aperture della canopia per la germinazione dei semi e per la crescita degli alberi.

Clima


Le foreste pluviali tropicali si trovano intorno e vicino all'equatore, avendo quindi quello che viene chiamato un clima equatoriale caratterizzato da tre importanti parametri climatici: temperatura, precipitazioni e intensità della stagione secca. Altri parametri che influenzano le foreste equatoriali sono le concentrazioni di biossido di carbonio, la radiazione solare e la disponibilità di azoto. In generale, i modelli climatici sono costituiti da temperature calde e alte precipitazioni annuali. Tuttavia, l'abbondanza di cambiamenti delle precipitazioni durante tutto l'anno creano stagioni umide e secche distinte. 


Le foreste tropicali sono classificate per la quantità di pioggia che ricevono ogni anno, che ha permesso agli ecologisti di definire le differenze tra queste foreste che sembrano così simili nella struttura. Secondo la classificazione di Holdridge degli ecosistemi tropicali, le vere foreste pluviali tropicali hanno una piovosità annua superiore a 800 cm e la temperatura annua superiore a 24 gradi Celsius. Tuttavia, la maggior parte delle foreste tropicali di pianura possono essere classificate come foreste tropicali umide o bagnate, che si differenziano per quanto riguarda le precipitazioni. L'ecologia della foresta tropicale - dinamiche, composizione e funzioni - sono sensibili alle variazioni di clima e particolarmente ai cambiamenti nelle precipitazioni. 


Il clima di queste foreste è controllato da una banda di nubi chiamata zona di convergenza intertropicale, situata vicino all'equatore e creata dalla convergenza degli alisei degli emisferi nord e sud. La posizione della banda varia stagionalmente, verso nord in estate e a sud in inverno, e in ultima analisi, controlla le stagioni umide e secche nei tropici. 


Queste regioni hanno registrato un forte riscaldamento a una velocità media di 0,26 gradi centigradi per decennio, che coincide con un aumento globale della temperatura derivante dai gas serra immessi in atmosfera. Gli studi hanno anche scoperto che la precipitazione è diminuita e dell'Asia tropicale si è registrato un aumento di intensità della stagione secca, mentre quella amazzonica non ha avuto alcun cambiamento significativo nelle precipitazioni o nella stagione secca. L'aumento del riscaldamento rende le regioni della foresta pluviale tropicale suscettibili allo stress e all'aumento della mortalità di alberi e piante.


Fonte: Tropical rainforest - Wikipedia (traduzione parziale)

Foto di lubasi - Catedral Verde - Floresta Amazonica, CC BY-SA 2.0