La deforestazione in Amazzonia

La deforestazione della foresta amazzonica ha subìto una forte crescita tra il 1991 e il 2004, raggiungendo un tasso di perdita forestale annua di 27,423 km² nel 2004. Anche se il tasso di deforestazione ha avuto un rallentamento a partire dal 2004 (con re-accelerazioni nel 2008 e 2013), la superficie forestale rimanente continua a diminuire.

La foresta amazzonica rappresenta oltre la metà delle foreste pluviali rimanenti nel pianeta, e costituisce il tratto di foresta pluviale tropicale più grande e più ricco di biodiversità nel mondo. Il 60% della foresta è contenuto in Brasile, seguita dal Perù con il 13%, la Colombia con il 10%, e con quantità minori in Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana Francese.
Il settore dell'allevamento nell'Amazzonia brasiliana, incentivato dalle produzioni internazionali di carni bovine e di cuoio, è stato responsabile di circa l'80% di tutta la deforestazione nella regione, e di circa il 14% della deforestazione annua totale nel mondo, ed è la maggiore causa mondiale di deforestazione. Nel 1995, il 70% delle terre precedentemente sotto forma di foreste in Amazzonia, e il 91% dei terreni disboscati dal 1970, è stato convertito in allevamento del bestiame. Gran parte delle deforestazione rimanenti nell'Amazzonia è stata opera da parte degli agricoltori per ottenere terreni per l'agricoltura di sussistenza su piccola scala o per la produzione meccanizzata di soia, palma e altre colture.
Deforestazione in Brasile - Foto della NASA

Storia

In epoca pre-colombiana, parte dell'Amazzonia era un paesaggio agricolo densamente popolato. Dopo l'invasione europea nel 16° secolo, con la caccia per l'oro, le malattie occidentali, la schiavitù e più tardi e il boom della gomma, l'Amazzonia si spopolò e la foresta divenne più grande.
Prima del 1970, l'accesso alle parti più interne e prive di strade della foresta era difficile e, tranne parte delle radure lungo i fiumi, la foresta rimase intatta. La deforestazione ha subito una notevole accelerata dopo l'apertura di autostrade all'interno della foresta, come ad esempio l'autostrada Transamazzonica nel 1972.

In alcune parti dell'Amazzonia, il suolo povero ha fatto dell'agricoltura basata sulle piantagioni un'attività poco redditizia. Il punto di svolta fondamentale nella deforestazione dell'Amazzonia brasiliana è stato quando i coloni hanno cominciato a stabilire le aziende agricole nella foresta nel corso del 1960. Il loro sistema di allevamento si basava sulla coltivazione delle piantagioni e sulla pratica del "taglia e brucia" (detta anche debbio). Tuttavia, i coloni non erano in grado di gestire con successo i loro campi e le loro colture a causa della perdita di fertilità del suolo e dell'invasione della gramigna causata da questo metodo.
Nelle zone indigene dell'Amazzonia peruviana, come il bacino idrografico del fiume Chambira presso il popolo Urarina, i terreni sono produttivi solo per periodi di tempo relativamente brevi, causando quindi il continuo trasferimento in nuove aree da parte degli indigeni orticoltori come gli Urarina, eliminando quindi sempre più terra.
La colonizzazione amazzonica è stata causata principalmente dall'allevamento del bestiame perché il bestiame richiedeva poco lavoro, generava profitti decenti e conferiva uno status sociale nella comunità. Inoltre, l'erba è in grado di crescere nel suolo povero della foresta amazzonica. Tuttavia, l'abbondanza di allevamento del bestiame ha portato ad una vasta deforestazione, causando ingenti danni ambientali.
Si stima che circa il 30% della deforestazione è dovuta alle azioni da parte dei piccoli agricoltori. Anche se i piccoli agricoltori sono in possesso di un'area più piccola di terra rispetto alla media dei grandi allevatori, che possiedono l'89% dei terreni privati dell'Amazzonia Legale, l'intensità della deforestazione nelle aree in cui essi abitano è maggiore di quella all'interno delle aree occupate dai grandi allevatori. Questo sottolinea l'importanza di utilizzare terreni autorizzati per uso agricolo, piuttosto che la via politica più semplice di distribuire zone ancora boscose. Nell'Amazzonia brasiliana, la proporzione tra i piccoli agricoltori e i grandi proprietari terrieri cambia frequentemente con le pressioni economiche e demografiche.
Nel 2009, il presidente peruviano Alan García, favorì il decreto legge 840 (anche conosciuto come "Ley de la Selva", "la legge della giungla" o semplicemente la "Forest Law"), che ha permesso la vendita di terreni incolti dell'Amazzonia di proprietà statale a società private, senza limiti di termine sui diritti di proprietà. Mentre la legge è stata promossa come misura per la "riforestazione", i critici hanno sostenuto che il provvedimento di privatizzazione in realtà non fa altro che provocare un'ulteriore deforestazione dell'Amazzonia, cedendo i diritti della nazione sulle risorse naturali agli investitori stranieri e lasciando incerto il destino dei popoli indigeni del Perù, che in genere non hanno nessun titolo formale sulle foreste su cui sussistono. La legge 840 ha incontrato una diffusa resistenza e fu alla fine abrogata dal legislatore del Perù perché incostituzionale.

Cause della deforestazione

La deforestazione della foresta amazzonica può essere attribuita a molti fattori diversi a livello locale, nazionale e internazionale. La foresta pluviale è vista come una risorsa per il pascolo del bestiame, per i legni preziosi, per lo spazio abitativo e lo spazio agricolo (in particolare per la soia), per i lavori stradali (ad esempio le autostrade e le strade più piccole) e per i farmaci.
Una relazione del 2009 di Greenpeace ha scoperto che il settore del bestiame nell'Amazzonia brasiliana, sostenuta dalle produzioni internazionali di carni bovine e cuoio, era responsabile di circa l'80% di tutta la deforestazione nella regione, e circa il 14% della deforestazione annua totale del mondo, diventando così il più grande responsabile della deforestazione al mondo. Secondo un rapporto del 2006 dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura, il 70% delle terre che precedentemente erano foreste in Amazzonia, e il 91 % dei terreni disboscati dal 1970, viene utilizzato per il pascolo del bestiame.
Ulteriori deforestazioni in Amazzonia sono state causate dagli agricoltori che praticano agricoltura di sussistenza su piccola scala o agricoltura meccanizzata. Gli scienziati che utilizzano i dati satellitari della NASA hanno scoperto nel 2006 che la produzione agricola meccanizzata era diventata una causa significativa della deforestazione brasiliana. Questo cambiamento nell'utilizzo del suolo può alterare il clima della regione. I ricercatori hanno scoperto che, nel 2003, un anno di picco di deforestazione, oltre il 20% delle foreste dello stato del Mato Grosso sono state convertite in terreni coltivati. Nel 2005, i prezzi della soia sono diminuiti di oltre il 25% e alcune zone del Mato Grosso hanno mostrato una diminuzione delle grandi deforestazioni, suggerendo che l'aumento e l'abbassamento dei prezzi di altre colture, della carne e del legname possono anche avere un impatto significativo sul futuro uso del suolo nella regione.
Fino al 2006, una delle principali cause di perdita delle foreste in Amazzonia era la coltivazione della soia, principalmente per l'esportazione e la produzione di biodiesel e di mangimi; quando i prezzi di soia aumentavano, gli agricoltori di soia si spingevano verso nord in aree boscose dell'Amazzonia. Tuttavia, accordi di settore privato come la moratoria sulla soia hanno contribuito a ridurre drasticamente la deforestazione legata alla produzione di soia nella regione. Nel 2006, una serie di importanti aziende di commercio di materie prime, come la Cargill, ha accettato di non acquistare semi di soia prodotti nel Brasile sulle aree recentemente deforestate. Prima della moratoria, il 30% di espansione dei campi di soia si era verificato mediante la deforestazione, contribuendo a registrare tassi di deforestazione. Dopo otto anni di moratoria, uno studio del 2015 ha rilevato che, sebbene le zone di produzione di soia si fossero estese di altri 1,3 milioni di ettari, solo circa l'1% della nuova espansione di soia era avvenuto a scapito della foresta. In risposta alla moratoria, gli agricoltori hanno scelto di piantare sui terreni già disboscati in precedenza.
Le esigenze degli agricoltori di soia sono state utilizzate per validare alcuni progetti di trasporto controversi che si sono sviluppati in Amazzonia. Le prime due autostrade, la Belém-Brasilia (1958) e la Cuiaba-Porto Velho (1968), furono le uniche autostrade federali in Amazzonia Legale lastricate e percorribili tutto l'anno prima della fine del 1990. Queste due strade si trovano nell'area focale della deforestazione nell'Amazzonia brasiliana. L'autostrada Belém-Brasilia ha attirato quasi due milioni di coloni nei primi venti anni. Il successo della strada Belém-Brasilia aumentò quando le strade asfaltate continuarono a svilupparsi, scatenando un'irrefrenabile diffusione dell'insediamento. I completamenti delle strade furono seguiti da un'ondata di reinsediamento; i coloni ebbero un effetto significativo sulla foresta.
Una ricerca condotta da Leydimere Oliveira et al. ha dimostrato che più foresta pluviale viene disboscata in Amazzonia, meno precipitazioni raggiungono la zona e quindi minore diventa la resa per ettaro. Così per il Brasile nel suo complesso, non vi è alcun guadagno economico da effettuare deforestando, vendendo gli alberi e utilizzando i terreni disboscati per fini pastorali.
Foto di Blatant World - CC BY 2.0

Tassi di perdita della foresta

Il tasso annuo di deforestazione in Amazzonia è notevolmente aumentato dal 1991 al 2003. Nei nove anni dal 1991 al 2000, la superficie totale di foresta amazzonica cancellata dal 1970 è passata da 419.010 a 575,903 km², paragonabile al territorio della Spagna, del Madagascar o di Manitoba. La maggior parte di questa foresta perduta è stata sostituita dai pascoli per il bestiame.
La deforestazione della foresta amazzonica ha continuato a subìre accelerazioni nei primi anni del 2000, raggiungendo un tasso annuo di 27,423 km² di perdita della foresta nel 2004. Oggi la superficie forestale rimanente continua a diminuire, anche se il tasso annuale di perdita della foresta è generalmente rallentato a partire dal 2004. Tuttavia, i tassi di deforestazione hanno subìto di nuovo rialzi nel 2008 e nel 2013.
Nel 1996, l'Amazzonia ha registrato un aumento del 34% della deforestazione dal 1992. Il tasso medio di deforestazione annuo dal 2000 al 2005 (22,392 mila chilometri quadrati all'anno (8.646 miglia quadrate all'anno)) è stato superiore del 18% a quello degli ultimi cinque anni (19,018 chilometri quadrati all'anno (7.343 miglia quadrate all'anno)). In Brasile, l'Instituto Nacional de Pesquisas Espaciais (INPE, o Istituto Nazionale di ricerca Spaziale) produce statistiche sulla deforestazione ogni anno. Le loro stime sulla deforestazione sono derivate da 100 a 220 immagini scattate durante la stagione secca in Amazzonia dal satellite Landsat, che prende in considerazione solo la perdita di bioma della foresta amazzonica - non la perdita di campi naturali o di savana all'interno della foresta. Secondo INPE, il bioma originale della foresta amazzonica in Brasile di 4.100.000 km² (1.600.000 sq mi) è stato ridotto a 3,403,000 km² (1.314.000 sq mi) entro il 2005 - con una perdita del 17,1%.

Futuro della foresta amazzonica

Utilizzando i tassi di disboscamento del 2005, è stato stimato che la foresta pluviale amazzonica si sarebbe ridotta del 40% in due anni. Il tasso di deforestazione è ora rallentato. I tassi di perdita delle foreste nel 2012 sono stati i più bassi mai registrati. Tuttavia, la foresta continua a diminuire.
Il primo ministro norvegese Jens Stoltenberg ha annunciato il 16 settembre 2008, che il governo norvegese avrebbe donato 1 miliardo di dollari al fondo per l'Amazzonia. I soldi di questo fondo sarebbero destinati a progetti volti a rallentare la deforestazione della foresta pluviale amazzonica.
Nel mese di settembre 2015, il presidente brasiliano Dilma Rousseff ha comunicato alle Nazioni Unite che il Brasile ha effettivamente ridotto il tasso di deforestazione in Amazzonia dell'82%. Ha anche annunciato che nei prossimi 15 anni, il Brasile mira ad eliminare la deforestazione illegale, ripristinare e rimboschire 120.000 km² (46.000 sq mi) e recuperare 150.000 km² (58,000 sq mi) dei pascoli degradati.