Il Rio delle Amazzoni

Il Rio delle Amazzoni è un fiume del Sud America. La sua portata media alla foce di 209 000 m3⋅s-1 è di gran lunga la più alta di tutti i fiumi del pianeta ed è equivalente al volume complessivo di sei fiumi che lo seguono immediatamente in ordine di portata. Con i suoi 6437 km, è il fiume più lungo della Terra dopo il Nilo. Il Rio delle Amazzoni è anche il fiume più grande per l'immensità del suo bacino. Drena una superficie di 6,112,000 km² (escluso il fiume Tocantins) o il 40% del Sud America, l'equivalente di una volta e mezzo la zona dell'Unione europea (il fiume Congo secondo fiume per la superficie del suo bacino, ha raggiunto solo i 3,8 milioni di chilometri quadrati).


Il bacino si estende da 5° di latitudine nord a 20° sud. Il fiume ha la sua sorgente nelle Ande, attraversa Perù, Colombia e Brasile, e sfocia nell'Oceano Atlantico all'equatore. La sua rete idrografica comprende oltre 1.000 corsi d'acqua. Il Rio delle Amazzoni da solo forma il 18% del volume totale di acqua dolce che confluisce negli oceani di tutto mondo. I suoi due affluenti principali, il Madeira e il Rio Negro, fanno essi stessi parte dei 10 più grandi fiumi del mondo per la loro portata (rispettivamente di 32 000 e 29 300 m3⋅s-1) e il terzo (Rio Japurá, 18 600 m3⋅s-1) è rivale del Mississippi.
Fonte e altopiani
La fonte più lontana del Rio delle Amazzoni nelle Ande peruviane è stata fermamente stabilita solo di recente. Si tratta di un corso d'acqua situato nella regione di Arequipa su una sommità di 5507 metri, il Nevado Mismi, circa 160 km a ovest del Lago Titicaca e circa 650 km a sud-est di Lima. Questa montagna fu suggerita per la prima volta come la vera origine del Rio delle Amazzoni nel 1971, ma non è stata confermata come tale fino al 2001.
Il Rio delle Amazzoni.
Il torrente scorre dal Nevado Mismi al fiume Apurímac. L'Apurímac prende successivamente il nome di Ene e Tambo e forma il Rio Ucayali dopo essersi incontrato con il Rio Urubamba, che proviene da Cuzco. Il Rio Ucayali si unisce al Marañón dopo un lungo viaggio verso nord. Il fiume prende il nome di Rio delle Amazzoni in Perù e Colombia, poi prende il nome di Rio Solimões quando entra in Brasile al livello di Tabatinga, e di nuovo Rio delle Amazzoni fino a Manaus, dopo essere stato raggiunto dal Rio Negro. La lunghezza totale del fiume dalla sorgente alla foce è 6437 km, diventando così il secondo fiume più lungo dopo il Nilo (6690 km). Ma è di gran lunga il primo per la sua velocità e per la superficie del suo bacino.

Regime idrologico

La portata del fiume è stata osservata per 69 anni (1928-1996) a Obidos, città dello stato brasiliano del Pará, che si trova a 537 km dal suo sbocco nell'Oceano Atlantico.
A Óbidos, la portata annua media osservata in questo periodo era di 176,177 m3⋅s-1 per un bacino idrografico di 4 640 300 km2, cioé il 79.27% del bacino totale che conta circa 5 853 804 km2.
L'enormità dei flussi non è stata immediatamente accettata, e si è a lungo sostenuto che il flusso del Rio delle Amazzoni fosse di 100 000 m3⋅s-1, una cifra considerabile, ma più "ragionevole" rispetto ai dati reali. Ma le stime e le misure di portata erano difficili da calibrare date le caratteristiche di flusso: la pendenza è molto bassa alla foce situata nella Cordigliera delle Ande e il letto del fiume è molto profondo (oltre 80 m), il che lo pone sotto il livello del mare. Il flusso, tuttavia rapido, non dipende dunque dalla pendenza, ma dalle masse d'acqua a monte che accrescono a loro volta le masse d'acqua a valle verso il mare. E' stato necessario analizzare in dettaglio questo meccanismo per adattare gli strumenti di misurazione del fiume e ottenere le cifre giuste.

La Foresta Amazzonica

La Foresta Amazzonica inizia ad est delle Ande. E' di grande importanza ecologica, essendo in grado di assorbire grandi quantità di anidride carbonica. La conservazione della foresta amazzonica è uno dei maggiori problemi ambientali di questi ultimi anni.

La foresta pluviale è il risultato del clima estremamente umido del bacino amazzonico. Il Rio delle Amazzoni e le sue migliaia di affluenti scorrono lentamente attraverso il paesaggio, con una pendenza così bassa che è davvero la spinta dell'acqua a monte che spinge il flusso verso il mare. La città di Manaus a 1000 km dall'Oceano Atlantico è situato a soli 44 m al di sopra del livello del mare.
La biodiversità della foresta amazzonica è molto importante: la regione è patria di più di 2,5 milioni di specie di insetti, decine di migliaia di piante, e circa 2.000 specie di uccelli e mammiferi. Una specie di uccelli su cinque vive nella foresta amazzonica.
La diversità della flora nel bacino amazzonico è la più varia del mondo. Alcuni esperti ritengono che un chilometro quadrato può contenere fino a 90.000 tonnellate di materia vegetale vivente.

Flusso e straripamenti

Le piogge stagionali causano inondazioni, allagando vaste aree confinanti con il Rio delle Amazzoni e i suoi affluenti. La profondità media del fiume per la maggior parte della stagione delle piogge è di 40 metri e la larghezza può arrivare fino a 40 km. Il livello dell'acqua comincia a salire nel mese di novembre, e il volume cresce fino a giugno per poi scendere fino a fine ottobre. Il flusso dell'affluente Rio Negro non è sincronizzato; la stagione delle piogge non comincia nella sua valle fino a febbraio o marzo, a giugno il suo livello è al culmine e inizia a scendere assieme al Rio delle Amazzoni. Il Madeira, nel frattempo, precede esattamente due mesi il Rio delle Amazzoni nelle sue fasi di piena e deflusso.
Durante la stagione delle piogge, il Rio delle Amazzoni viene inondato da un capo all'altro del suo corso su una superficie di diverse centinaia di chilometri quadrati, coprendo le pianure allagate. Il livello del fiume in alcuni luoghi è di 12-15 m più alto durante la stagione secca. Durante le alluvioni, il livello a Iquitos è di 6 m; a Tefé di 15 m; vicino a Obidos, 11 m; e nel Pará, 4 m sopra il livello più basso nella stagione secca.

Le preoccupazioni del XX secolo

In precedenza, la superficie complessiva del bacino amazzonico era probabilmente inferiore ai 65 km2, comprese le zone più o meno coltivate sulle montagne circostanti il corso superiore del Rio delle Amazzoni. Questa situazione è cambiata radicalmente nel corso del XX secolo.
La deforestazione della foresta amazzonica è probabilmente la causa della grave siccità del 2005, con un conseguente calo drammatico del livello del Rio delle Amazzoni.
Fonte: Amazone (fleuve) - Wikipédia (traduzione parziale)