Scimmia urlatrice (Alouatta)

La scimmia urlatrice (nome scientifico: Alouatta) è un genere di primati del parvordine Platyrrhini (detto anche "scimmie del Nuovo Mondo") che vive nella zona tropicale, dal sud del Messico, fino al nord dell'Argentina. Il genere, è l'unico classificato nella sottofamiglia Alouattinae. Il nome Alouatta ha la sua origine della trascrizione francese di alouate, una parola utilizzata in un dialetto caraibico, pronunciato come kalina e che significa "ululante".

Descrizione

Le scimmie urlatrici hanno il viso piccolo e le narici schiacciate e separate. La sua lunghezza oscilla tra 56 e 92 cm, escludendo la coda, la quale ha una lunghezza simile. Come gli altri Atelidi possiede code prensili. A differenza delle altre scimmie del Nuovo Mondo, sia i maschi che le femmine hanno una visione tricromatica (vale a dire, vedono come l'uomo). Questa caratteristica evolse indipendentemente dagli altri Platyrrhini grazie ad una duplicazione cromosomica.


Una scimmia urlatrice.

In generale, la scimmia urlatrice si muove in posizione quadrupede sugli alberi, mantenendosi in ogni momento aggrappata ai rami con le due mani o con una mano e la coda. La sua coda prensile è molto forte e può sopportare tutto il peso corporale.
Il suo colore varia secondo le specie: ad esempio, l'Alouatta seniculus è di colore rosso, l'Alouatta caraya è di colore nero per il maschio e marrone chiaro, quasi dorato, per la femmina e l'Alouatta guariba è marrone.

Il suo peso è di circa 15 kg.

Habitat

La scimmia urlatrice abita nelle zone di selva, specialmente nelle foreste a galleria nel Nord dell'America del Sud.

Comportamento

Alimentazione
La scimmia urlatrice è un erbivoro ed un frugivoro. Mangia principalmente foglie in cima agli alberi, frutta, gemme, fiori e noci. Hanno bisogno di guardarsi bene dal mangiare molte foglie di certe specie in una sola volta, poiché contengono tossine che possono avvelenarle. Le scimmie urlatrici sono note anche per la loro abitudine di fare scorrerie di nidi di uccelli e di pollai di quando in quando, poiché mangiano anche le uova.
Riproduzione
La femmina può avere un cucciolo a 36 mesi ed il maschio a 42 mesi di vita. La femmina può avere un piccolo per volta ed ha bisogno di 186 giorni di gestazione.
Socializzazione e comunicazione
La maggior parte delle scimmie urlatrici vive in gruppi da 6 a 15 animali, con 1 - 3 adulti maschi e molte femmine. Le Alouatta palliata sono un'eccezione, solitamente vivono in gruppi da 15 a 20 individui con più di tre maschi adulti. Il numero di maschi in un dato gruppo è negativamente correlato con le dimensioni del loro osso ioide, ed è correlato positivamente con le dimensioni dei testicoli. Ciò si traduce in due gruppi distinti, in cui vi è un maschio, che ha uno ioide più grande, e testicoli più piccoli, che si accoppia esclusivamente con un gruppo di femmine. L'altro gruppo ha più maschi, che hanno ioidi più piccoli e testicoli più grandi, e non vi è un libero accoppiamento nel gruppo. A differenza di molte scimmie del Nuovo Mondo,i giovani di entrambi i sessi emigrano dai loro gruppi natali: in questo modo, le scimmie urlatrici trascorrono la maggior parte della loro vita adulta assieme a scimmie non consanguinee.
Gli scontri fisici tra i membri del gruppo non sono frequenti e generalmente sono di breve durata. Tuttavia, possono provocare lesioni gravi. Sia i maschi che le femmine raramente combattono tra di loro, ma l'aggressione fisica è ancora più rara tra i due sessi. La dimensione del gruppo varia per specie e per posizione, approssimativamente con un rapporto di un maschio per quattro femmine.
Come suggerisce il nome, la comunicazione vocale costituisce una parte importante del comportamento sociale delle scimmie urlatrici. Ognuna di esse ha un osso ioide che le aiuta ad emettere vocalizzazioni forti. I gruppi di maschi generalmente urlano all'alba e al tramonto, così come in tempi intervallati per tutta la giornata. I principali suoni sono costituiti da vocalizzazioni ad alta voce, ringhi gutturali profondi o "ululati".
Le scimmie urlatrici sono ampiamente considerate come l'animale terrestre che emette il suono più forte al mondo. Secondo il Guinness dei primati, le loro vocalizzazioni possono essere percepite in modo chiaro per circa 4,8 km. Gli ululati servono per relazionarsi col gruppo e per tutelare territorio, nonché eventualmente per accoppiarsi.

Specie

Le specie sono:
Alouatta belzebul (aluatta dalle mani rosse)
Alouatta caraya (aluatta nera)
Alouatta coibensis (aluatta dell'isola di Coiba)
Alouatta guariba (aluatta bruna)
Alouatta palliata (aluatta dal mantello)
Alouatta pigra (aluatta del Guatemala)
Alouatta sara (aluatta rossa della Bolivia)
Alouatta seniculus (aluatta rossa)

Stato di conservazione

La scimmia urlatrice gode di un ottimo stato di conservazione: secondo la classificazione IUCN, infatti, il rischio di estinzione è minimo.