Oncilla o tigrillo (Leopardus tigrinus)

L'oncilla (nome scientifico: Leopardus tigrinus), noto anche come tigrillo, gatto tigre, gatto giaguaro o cunaguaro, è un piccolo felino maculato nativo delle foreste montane e delle foreste pluviali tropicali del Centro e Sud America. È attivo durante la notte e nel crepuscolo, ma è anche stato avvistato durante il giorno.


L'oncilla è un parente stretto dell'ocelot e del margay, ha una folta pelliccia color ocra, macchiata con rosette nere.



Descrizione


L'oncilla assomiglia al margay e all'ocelot, ma è più piccolo e snello ed ha un muso più stretto. Cresce a 38 a 59 centimetri di lunghezza, più 20 - 42 centimetri di coda. Mentre è un po' più lunga del gatto domestico medio, l'oncilla è generalmente più leggera, con un peso che va da 1,5 a 3 chilogrammi.



Un'oncilla.

La pelliccia è folta e morbida, va dal marrone chiaro al color ocra scuro, con numerose rosette scure che attraversano la schiena e i fianchi. La parte inferiore è pallida con macchie scure e la coda è circondata da strisce scure. Le orecchie sono nere con macchie a forma di occhio, chiamate ocelli. Le rosette sono di colore nero o marrone, più chiare al centro, e di forma irregolare. Le zampe hanno macchie di medie dimensioni che si riducono a piccoli punti vicino alle zampe. Questa colorazione aiuta l'oncilla a fondersi con la luce del sole screziata nel sottobosco della foresta tropicale. La mascella dell'oncilla è piccola, con un minor numero di denti, ma con carnassiali e canini ben sviluppati.



Alcuni tigrilli melanici sono stati avvistati nelle più ricche di foreste del suo habitat.



Comportamento

L'oncilla è un animale prevalentemente terrestre, ma è anche un esperto scalatore. Come tutti i felini, l'oncilla è un carnivoro, che richiede carne per la sopravvivenza. Questo gatto mangia piccoli mammiferi, lucertole, uccelli, uova, invertebrati, e occasionalmente rane. Di tanto in tanto, il tigrillo mangia l'erba. L'oncilla segue la sua preda da lontano, e una volta in campo, si getta per catturare e uccidere la preda.



I tigrilli sono generalmente notturni, ma in aree come le caatinga, dove la loro fonte di cibo principale è costituito dalle lucertole diurne, c'è più probabilità che siano attivi durante il giorno. I giovani di oncilla sono stati osservati fare le fusa, mentre gli adulti sono noti per emettere dei brevi gorgoglii quando sono vicini l'uno all'altro.


Distribuzione e habitat

Le oncille sono tipicamente distribuite dal Costa Rica al nord dell'Argentina, e mostrano una forte preferenza per le foreste montane. Esse si trovano di solito in altitudini più elevate rispetto a quelle del margay o dell'ocelot. Sono stati trovati in habitat con altitudine superiore ai 4500 m in Colombia, negli altopiani delle Ande in Ecuador e Perù, e negli altopiani della foresta subtropicale in Brasile. Sono stati anche identificati in ambienti nelle cerrado e nelle boscaglie.


Essi sono stati registrati nel nord del Panama, ma il resto del paese sembra non esservi questa specie.


Riproduzione


L'estro dura da 3 a 9 giorni, i felini più anziani hanno cicli più brevi. Le oncille partoriscono da 1 a 3 gattini (di solito solo uno), dopo una gestazione che va da 74 a 76 giorni. Gli occhi dei gattini si aprono dopo 8 - 17 giorni, un periodo insolitamente lungo per un gatto di queste dimensioni. A differenza di altri felini, in cui i denti incisivi tendono ad apparire prima, i denti di un cucciolo di tigrillo nascono più o meno contemporaneamente, a circa 21 giorni di età. I gattini non cominciano a prendere cibo solido fino ai 38 - 56 giorni (molto più rispetto al gatto domestico), ma sono completamente svezzati a tre mesi.


I tigrilli raggiungono la maturità sessuale a circa due anni e mezzo di età. Hanno una durata di vita di circa 11 anni nello stato selvaggio, ma ne sono stati registrati alcuni che hanno raggiunto un'età di 17 anni.


Sottospecie 


Di seguito sono le sottospecie riconosciute:


- Leopardus tigrinus tigrinus, Venezuela orientale, Guyana, Brasile nord-orientale

- Leopardus tigrinus guttulus, foresta atlantica centrale e meridionale del Brasile, Uruguay, Paraguay, Argentina settentrionale (in seguito riconosciuto come una specie separata)
- Leopardus tigrinus oncilla, America centrale
- Leopardus tigrinus pardinoides, Venezuela occidentale, Colombia, Ecuador, Perù

Anche se l'oncilla centroamericano è elencato come una sottospecie distinta, sulla base di analisi del DNA mitocondriale, Johnson et al. (1999) trovarono differenze fortemente supportate tra L. t. oncilla in Costa Rica e L. t. guttulus nel sud del Brasile, paragonabili a differenze tra le diverse specie neotropicali. I ricercatori hanno affermato che ci dovrebbe essere una scissione dell'oncilla in due specie, in quanto vi è una differenza marcata in apparenza tra le oncille in Costa Rica e quelle in Brasile centrale e meridionale. Il livello di divergenza tra le due specie, quella del Costa Rica e quella del Brasile centrale e meridionale, suggerisce che le due popolazioni sono state isolate, forse dal Rio delle Amazzoni, per circa 3,7 milioni di anni. Ulteriori campioni di L. t. oncilla dal nord dell'America del Sud sono necessari per determinare se l'oncilla si estenda al di fuori dell'America centrale e se si debba considerare una specie distinta, piuttosto che una sottospecie.


Nel 2013, la ricerca genetica ha rivelato che l'ex sottospecie L. t. guttulus è una specie criptica separata che non si incrocia con le altre sottospecie, e propone una classificazione nelle due specie L. guttulus e L. tigrinus.



Una zona di ibridazione tra l'oncilla e il colocolo è stata trovata attraverso analisi genetiche su campioni provenienti dal Brasile centrale.

Stato di conservazione


L'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) ha classificato il tigrillo come vulnerabile. Le principali minacce per questi felini sono la deforestazione e il bracconaggio. Le oncille vengono uccise per le loro pelli, che sono molto apprezzate e spesso vendute o trasformate in abiti. Due report nel 1972 e nel 1982 in Sud America hanno mostrato che l'oncilla è uno dei quattro i felini di piccola taglia più pesantemente cacciati.


Un altro fattore che contribuisce alla mortalità dell'oncilla è l'espansione umana, che sta avvenendo in quella che era una volta terreno aperto per i gatti selvatici. Le piantagioni di caffè spesso si stabiliscono negli habitat delle foreste nebbiose, provocando la riduzione degli habitat preferiti. 


Il CITES piazza l'oncilla nell'Appendice I, vieta tutto il commercio internazionale di oncilla o prodotti derivati. La caccia è ancora consentita in Ecuador, Guyana, Nicaragua e Perù.


L'ibridazione dell'ncilla con il gatto del Geoffroy (Leopardus geoffroyi) è stata trovata nella parte più meridionale del suo areale; l'ibridazione con il gatto delle pampas (Leopardus pajeros) è stata trovata anche in Brasile centrale. Tale ibridazione può essere un processo naturale, e la portata di questo processo come una minaccia per l'oncilla è sconosciuta.


Gruppi di specialisti sono coinvolti in studi e nella conservazione dei felini in tutti i continenti.



C'è un allevamento in Brasile per diversi piccoli felini nativi, dove le loro condizioni naturali e il cibo nativo incoraggiano una riproduzione simile a quella in natura. Ci sono alcune oncille in cattività in Nord America, e alcune negli zoo in Europa e in Sud America. In cattività, l'oncilla tende ad avere un alto tasso di mortalità infantile. 

Fonte: Oncilla - Wikipedia (traduzione)

Foto di Groumfy69 - Own work, CC BY-SA 3.0