Margay o gatto di Wied (Leopardus wiedii)

Il margay (nome scientifico: Leopardus wiedii) o gatto di Wied è un piccolo felino nativo del Centro e Sud America, che viene indicato come quasi a rischio dalla IUCN dal 2008, perché le popolazioni residue sono in declino a causa della perdita di habitat a seguito della conversione delle foreste.



Nella sua prima descrizione, Schinz chiamato il margay Felis wiedii in onore del principe Massimiliano di Wied-Neuwied che ne ha raccolto i campioni in Brasile. 

Il margay è un felino solitario e notturno. Vive soprattutto nelle foreste sempreverdi e nei boschi di latifoglie. Fino agli anni 1990, i margay sono stati cacciati illegalmente per il commercio della fauna selvatica, che ha provocato una forte diminuzione della popolazione.


Descrizione

Il margay è molto simile all'ocelot nell'aspetto, anche se la testa è un po' più corta, gli occhi più grandi, e la coda e le zampe più lunghe. Pesa da 2,6 a 4 kg, con una lunghezza del corpo da 48 a 79 centimetri  e una lunghezza di coda da 33 a 51 centimetri . A differenza di molti altri felini, la femmina possiede solo due mammelle.



Un margay.

La pelliccia è marrone e contrassegnata da numerose righe di colore marrone scuro o rosette nere e striature longitudinali. Le parti inferiori sono più pallide, vanno dal giallo-marrone al bianco, e la coda ha numerose bande scure e una punta nera. La parte posteriore delle orecchie è nera con macchie bianche circolari al centro. 



Più in particolare, il margay è uno scalatore molto più abile del suo parente. Considerando che l'ocelot segue principalmente le prede a terra, il margay può spendere tutta la sua vita sugli alberi, saltando e inseguendo uccelli e scimmie attraverso le cime degli alberi. In effetti, è una delle uniche due specie di felino con una flessibilità della caviglia che gli permette di scendere dagli alberi con la testa in avanti (l'altro è il leopardo nebuloso, anche se il poco studiato gatto marmorizzato potrebbe avere questa capacità). E' straordinariamente agile; le sue caviglie possono girare fino a 180 gradi, si può afferrare ai rami altrettanto bene con la sue zampe anteriori e posteriori, ed è in grado di saltare fino a 3,7 m in orizzontale. Il margay è stato osservato appendersi ai rami con una sola zampa. Il suo aspetto è simile all'oncilla, un altro felino neotropicale.


Distribuzione e habitat 

Il margay è situato a sud del Messico, attraverso l'America centrale e nel nord del Sud America ad est delle Ande. Il bordo meridionale del suo areale raggiunge l'Uruguay e l'Argentina settentrionale. Si trovano quasi esclusivamente in zone di fitta foresta, che vanno dalla foresta tropicale sempreverde alla foresta tropicale secca e alla foresta pluviale alta. I gatti di Wied sono talvolta stati osservati anche nelle piantagioni di caffè e di cacao.



Prove fossili di margay o di felini simili sono state trovate in Florida e Georgia, risalenti al Pleistocene, suggerendo che avessero una più ampia distribuzione in passato.


Dieta

Siccome il gatto di Wied è prevalentemente notturno ed è naturalmente raro nel suo ambiente, la maggior parte degli studi alimentari sono stati basati su contenuto dello stomaco e l'analisi delle feci. Questo felino mangia piccoli mammiferi (a volte anche le scimmie), uccelli, uova, lucertole e rane. Esso può anche mangiare erba e altra vegetazione, molto probabilmente per aiutare la digestione. Un rapporto del 2006 di un margay che inseguiva scoiattoli nel suo ambiente naturale, ha confermato che il margay è in grado di cacciare la sua preda interamente sugli alberi. Tuttavia, il gatto di Wied a volte caccia a terra, e sono stati avvistati mangiare prede terrestri, come ratti e porcellini d'India.



C'è stato un report di un gatto di Wied che utilizzava la mimica uditiva per cercare di attirare una delle sue prede. Un margay è stato osservato imitare la chiamata di un cucciolo di tamarino in presenza di un gruppo di tamarini adulti, che portava gli adulti a cercare il piccolo. Anche se non è riuscito a prendere una delle scimmie, questa è la prima osservazione di un predatore neotropicale che impiega questo tipo di mimetismo.

Comportamento


Anche se i margay sono animali notturni, in alcune zone sono anche stati osservati cacciare durante il giorno. Essi preferiscono trascorrere la maggior parte della loro vita sugli alberi, ma anche muoversi sulla terra, soprattutto quando si spostano tra le zone di caccia. Durante il giorno, riposa in rami relativamente inaccessibili o ciuffi di liane.


Come la maggior parte dei felini, sono solitari e gli adulti si riuniscono solo per accoppiarsi. Essi sono scarsamente distribuiti anche nel loro ambiente naturale, occupando relativamente grandi zone da 11 a 16 chilometri quadrati. Usano marcature odorose per indicare il loro territorio, tra cui l'irrorazione di urina e lasciano segni di graffi sul terreno o sui rami. Le loro vocalizzazioni sembrano essere a corto raggio; non si chiamano tra loro su lunghe distanze.



Riproduzione

Le femmine di margay vanno in estro da quattro a dieci giorni su un ciclo di 32 - 36 giorni, durante i quali attirano i maschi con una lunga chiamata di lamenti. Il maschio risponde emettendo guaiti o trilli, e anche scuotendo rapidamente la testa da parte a parte, un comportamento non visto in qualsiasi altra specie di felino. L'accoppiamento dura fino a sessanta secondi, ed è simile a quello dei gatti domestici; esso si svolge principalmente sugli alberi, e si verifica più volte quando la femmina è in calore.


La gestazione dura circa 80 giorni, e in generale si traduce nella nascita di un singolo gatto (molto raramente, ne sono due) di solito tra marzo e giugno. I gattini pesano da 85 a 170 grammi al momento della nascita. Queste dimensioni sono relativamente grandi per un piccolo felino, e sono probabilmente legate al lungo periodo di gestazione. I gattini aprono gli occhi a circa due settimane di età, e cominciano a prendere il cibo solido a sette-otto settimane.


I margay raggiungono la maturità sessuale a dodici - diciotto mesi di età, e vivono fino a 24 anni in cattività. 


I neonati soffrono di un tasso di mortalità del 50%. Assieme ai problemi dell'allevamento in cattività, questo rende la prospettiva di aumentare la popolazione molto difficile.


Sottospecie


Queste sono le sottospecie attualmente riconosciute:


- Leopardus wiedii wiedii, in Brasile orientale e centrale, Paraguay, Uruguay, Argentina settentrionale

- Leopardus amazonicus wiedii, Brasile occidentale, parti interne del Perù, Colombia e Venezuela
- Leopardus wiedii boliviae, Bolivia
- Leopardus wiedii cooperi, Messico settentrionale
- Leopardus glauculus wiedii, Messico centrale
- Leopardus nicaraguae wiedii, Honduras, Nicaragua, Costa Rica
- Leopardus oaxacensis wiedii, Messico meridionale
- Leopardus pirrensis wiedii, Panama, Colombia, Ecuador, Perù
- Leopardus Salvinius wiedii, Chiapas, Guatemala, El Salvador
- Leopardus wiedii yucatanicus, Yucatán

Fonte: Margay - Wikipedia (traduzione)

Foto di Tambako The Jaguar - CC BY-ND 2.0